Una dieta personalizzata per tutti..

Osteoporosi

osteoporosiL'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce l'osteoporosi come una patologia scheletrica sistemica caratterizzata da bassa densità ossea e deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo stesso, con conseguente aumento del rischio di fratture.


Questa patologia può insorgere in seguito a diversi fattori di rischio:

  • età
  • basso indice di massa corporea e densità minerale ossea (bone mass density-BMD)
  • precedenti fratture osteoporotiche
  • familiarità - genetica
  • terapie con glucocorticoidi (ormoni ad azione lipolitica)
  • fumo di sigaretta
  • mal assorbimento di calcio e vitamina D
  • vita sedentaria
  • abuso di alcool
  • menopausa

L'osteoporosi può colpire ogni età e sesso, ma il picco di incidenza è nell'età matura e/o anziana e si ha prevalentemente nelle donne.
In post-menopausa si ha un rischio maggiore perché si assiste ad una diminuzione di estrogeni (il cui ruolo protettivo sull'osso e' fondamentale) e ad un aumento di citochine che partecipano alla produzione degli osteoclasti, cellule responsabili della disgregazione della matrice ossea.
Le donne più a rischio sono quelle che entrano in menopausa precocemente (prima dei 45 anni).
L'osteoporosi post-menopausale compare entro i primi 20 anni dall'inizio della menopausa ed è riscontrabile nel 5-29% delle donne che entrano in questa fase della vita.
Interessa prevalentemente l'osso trabecolare con effetti particolarmente evidenti a livello della colonna vertebrale.

La perdita ossea, molto accelerata nel periodo precedente alla menopausa, può raggiungere una perdita del 5% della massa ossea totale all'anno e le fratture vertebrali rappresentano la situazione clinica più comune in questi casi.

In Italia l'osteoporosi colpisce:

  1. il 25% delle donne oltre i 40 anni (contro il 17% degli uomini di pari età)
  2. il 33% delle donne che hanno tra i 60 e i 70 anni
  3. il 66% di quelle al di sopra degli 80 anni


In totale, ci sono oltre 3,5 milioni di donne colpite dalla malattia (fonte ONDA - Osservatorio Nazionale per la Salute della Donna)

Una delle metodiche più all'avanguardia per la valutazione della densitometria ossea e' la Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) con sistema DEXA (Dual X-ray absorbiometry), ritenuta la metodologia più idonea ed attendibile, dalla Organizzazione Mondiale della Sanità per lo studio e il monitoraggio dell'OSTEOPOROSI.

Il Calcio e Vitamina D: importanti fattori per garantire la salute ossea

Nell'età giovanile, si immagazzina Calcio a livello osseo raggiungendo il massimo di calcificazione scheletrica possibile.
Con l'invecchiamento si manifesta l'osteoporosi che può essere positivamente influenzata da fattori ambientali che possono ridurne il rischio d'insorgenza:

  • un'alimentazione corretta
  • uno stile di vita sano
  • un'attività fisica regolare

Un corretto apporto di Calcio e di Vitamina D è consigliato come trattamento base dell'osteoporosi.

Praticamente tutti gli alimenti contengono Calcio: il latte e i suoi derivati sono tipici alimenti che ne sono ricchi, anche le verdure ne hanno un buon quantitativo in alcuni anche superiore a determinati tipi di formaggio. Nonostante ciò,  è  importante sapere che le verdure contengono molte fibre e possono ridurre l'assorbimento intestinale del calcio. Ad esempio negli spinaci, l'acido ossalico si lega al calcio riducendone l'assorbimento; anche la frutta secca e i legumi contribuiscono al malassorbimento di questo minerale.
Un'altro elemento da tenere sotto controllo per un buon assorbimento di calcio è il rapporto Calcio/Fosforo, molto favorevole per quanto riguarda l'assunzione di formaggi stagionati, mentre è spostato molto a favore del fosforo se si mangiano uova, carni, pesce, e legumi. Anche la competizione con altri minerali tipo il ferro o il magnesio riduce l'assorbimento intestinale di calcio.
Un utilizzo eccessivo di sale e di caffeina fanno eliminare a livello renale il Calcio (1g di sodio 20 mg di calcio escreto).  
L'elevato consumo di acqua aiuta a coprire il fabbisogno giornaliero di questo minerale e le acque medio-minerali (residuo fisso fra 500 e 1500 mg/l) sono le più consigliate.
Quindi l'assimilazione di Calcio, come abbiamo visto, è condizionata molto dai vari alimenti che si consumano in un pasto (in una dieta equilibrata solo il 35-45% di Calcio viene assorbito). Una dieta normocalorica, normoproteica, con poco sodio e ricca di minerali e vitamine è una buona prevenzione contro l'osteoporosi, mentre una malnutrizione compromette il normale sviluppo delle ossa.

icon-contact-right

Hai bisogno di Risposte?

Non perdere altro tempo!

bkg-right-module

Siamo a Roma

P.zza BOLOGNA - NOMENTANO

tel-icon-rightTel. +39 06.44291406
maps-icon-rightGuarda la mappa

APPIA - CAPANNELLE

tel-icon-rightTel. +39 06.7183366
maps-icon-rightGuarda la mappa

TIBURTINA - COLLI ANIENE

tel-icon-rightTel. +39 342.1054452
maps-icon-rightGuarda la mappa

TUSCOLANA - RE DI ROMA

tel-icon-rightTel. +39 342.1054452
maps-icon-rightGuarda la mappa

Quartiere AFRICANO

tel-icon-rightTel. +39 06.86218046
maps-icon-rightGuarda la mappa

Quartiere
BALDUINA - MEDAGLIE D'ORO

tel-icon-rightTel. +39 06.35453655
maps-icon-rightGuarda la mappa

Quartiere
TRIESTE - NOMENTANO

tel-icon-rightTel. +39 06.8606414
maps-icon-rightGuarda la mappa

bkg-right-module

News e Approfondimenti
LEGGILI TUTTI

CALCOLA IL TUO BMI
Contattaci OraHai bisogno di risposte? Noi sappiamo come aiutarti